Per la celebrazione delle esequie cristiane
Pubblicato da ComunitÓ Pastorale San Carlo il 30 Apr 2021.

“Davvero il Signore è risorto!” (Lc 24,34). È questo il grido di gioia dei primi discepoli di Gesù e dei cristiani di tutti i tempi. In questa luce  ritrova il suo vero significato anche l’esperienza del morire umano. Per chi guarda al Cristo glorificato, la morte non è la fine di tutto ma il passaggio all’incontro con lui e quindi alla pienezza della vita. “Ai tuoi fedeli – recita la preghiera liturgica – la vita non è tolta, ma trasformata”.

 

La Celebrazione delle Esequie è un momento di grande rilevanza sotto il profilo umano.

È soprattutto, per noi, l’occasione per testimoniare la visione cristiana della morte nei suoi vari aspetti: annuncio che i nostri morti sono vivi in Cristo e condividono la gioiosa comunione dei santi…

Data l’importanza e la delicatezza del momento è importante che la scelta per le modalità della celebrazione avvenga direttamente tra i familiari e la Parrocchia.

 

La nostra comunità accompagna i nostri fratelli defunti con la preghiera e il ricordo nelle S. Messe dei Sabato e delle Domeniche successive alla celebrazione delle esequie e nella S. Messa di ogni primo lunedì del mese alle ore 18 per tutti i defunti del mese precedente.

Visto un clima di smarrimento e la difficoltà, nel momento del dolore  a cogliere la proposta della celebrazione cristiana in un contesto di fede e di preghiera ribadiamo alcune norme tratte dal “Direttorio diocesano per la celebrazione delle esequie” ( 23 giugno 2017 ) .

 

1. Siano i parenti a rivolgersi alla Parrocchia per la richiesta della celebrazione delle esequie.

2. È lodevole far precedere la celebrazione delle esequie da un momento di preghiera, veglia o rosario, che si terrà in Parrocchia in orario da concordare ( in genere al termine della S. Messa vespertina ) .

3. Non è consentita la celebrazione delle esequie, con o senza l’eucaristia,  presso le sale del commiato. Al massimo si potrà benedire la salma solo nel caso in cui seguirà la celebrazione delle esequie.

4. Eventuali interventi a ricordo del defunto si potranno fare al termine della celebrazione solo fuori la Chiesa o al cimitero.

5. Ricordiamo che non è buona pratica cristiana  trattenere le ceneri presso la propria abitazione ne disperderle in qualunque modo.

 

Allegati:
Non sono presenti allegati